I misteri di "Red October"

Kaspersky Lab, multinazionale russa leader nell’ambito della sicurezza IT, ha posto sotto i riflettori pubblici l’ennesima operazione di spionaggio elettronico, denominata “Red October”, avente come obiettivi privilegiati le informazioni riservate e classificate di governi, ambasciate, centri di ricerca e società operanti nel settore energetico, petrolifero e del gas. Fin qui, però, “niente di nuovo sotto il sole”.

Gli elementi che devono far riflettere, tuttavia, sono ben altri. Questa operazione di spionaggio, infatti, si stima essere in piedi da non meno di 5 anni, sembra essere tutt’ora in corso e per quanto è attualmente dato sapere, seppure i principali obiettivi paiono essere concentrati nell’est Europa e nell’Asia centrale, il grafico proposto da Kaspersky Lab evidenzia come siano ben 69 i Paesi colpiti in tutto il mondo, Italia compresa (con 5 attacchi andati a segno verso una o più Ambasciate).

Alcune mie brevi riflessioni per Formiche.net:
http://www.formiche.net/2013/01/16/kaspersky-lab-spionaggio/

mercoledì 16 gennaio 2013

Sei iscritto alla members area? Fai il login, oppure iscriviti.










Misura antispam: Quanto fa più 8?